Italiani fra i più longevi ma non fra i più sani

A 65 anni le donne hanno davanti in media altri 7 anni in salute, gli uomini 8

All’anagrafe risultano anziani, ma la maggioranza dei settantenni attuali non si sente psicologicamente né fisicamente vecchia. I nonni di oggi sono per molte famiglie una colonna portante, indispensabile aiuto nella gestione dei nipoti. E poi fanno attività fisica, viaggiano, non di rado proseguono un’attività lavorativa, hanno insomma una vita sociale e intima molto attiva.

In Italia si vive più a lungo, ma non sempre in buona salute

I numeri parlano chiaro: l’aumento dell’età media della popolazione mondiale rappresenta una delle maggiori rivoluzioni dell’era moderna. Nel 2008 le persone al mondo con più di 60 anni erano 766 milioni, nel 2030 saranno 1,4 miliardi. In questo contesto, in tutta l’Europa l’Italia è il Paese che annovera il maggior numero di anziani.Ma se gli abitanti del Bel Paese hanno un’aspettativa di vita fra le più alte al mondo (circa 83 anni), quando si va a considerare quanti di questi anni saranno vissuti in buona salute e senza disabilità in età avanzata gli italiani scendono ai gradini più bassi della classifica: mediamente, a 65 anni, ci si possono aspettare 7 anni in salute per le donne e 8 anni per gli uomini.

Fonte: Corriere Salute


Scopri i piani sanitari Aglea Salus over 60

Questo sito utilizza cookie di terze parti per garantirti un' esperienza di navigazione ottimale. Continuando la navigazione si accettano le condizioni d'uso. Scopri di più sui cookie