QUANTA ACQUA BERE AL GIORNO IN ESTATE

Se sole e mare mettono a dura prova l’epidermide, bere acqua migliora lo stato dell’idratazione superficiale e profonda della pelle: lo dice un recente studio condotto nelle Università di Lisbona e Madrid, diffuso dall’Osservatorio Sanpellegrino.
ll caldo torrido, l’elevata umidità, la sudorazione continua: l’estate può sottoporre l’organismo a un elevato stress, tra equilibrio dei liquidi e adeguati livelli di sali minerali. Idratarsi è fondamentale tutto l’anno per mantenere il corpo in salute, ma diviene una necessità irrinunciabile soprattutto durante la bella stagione, quando le temperature sono particolarmente cocenti. Quanta acqua bere, di conseguenza, durante l’estate?

Quanta acqua bere al giorno in estate

Bere circa 2 litri di acqua ogni giorno per gli esperti aiuta non solo ad idratare ma anche a depurare la pelle perché con la sua azione detossinante aiuta a ripristinare il benessere del nostro organismo, ad eliminare le impurità della nostra pelle, oltre che a ritardare l’invecchiamento del derma. Per chi si è esposto troppo ai raggi solari può essere utile sapere, invece, che i grassi essenziali omega-3, abbondanti nel pesce grasso, la vitamina E e la vitamina A attraverso meccanismi diversi riescono a ridurre l’eritema dovuto a un’esposizione solare eccessiva, limitando i danni provocati dai raggi UV e riducendo l’infiammazione negli strati superficiali della pelle.

Bere non solo durante i pasti

L’apporto deve essere costante durante la giornata, non solo durante i pasti. È però importante considerare come l’acqua venga assunta non solo bevendo, ma anche consumando gli alimenti: per questo si consiglia di inserire nella propria dieta almeno cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura, naturalmente ricche di questo prezioso liquido nonché di sali minerali. Infine, sebbene in estate si tenda a consumare acqua praticamente ghiacciata per approfittare di un effetto rinfrescante, durante i pasti è consigliato sceglierla a temperatura ambiente o lievemente fresca, affinché si favoriscano le normali funzioni digestive.

FONTE: Ansa – Salute&Benessere

Questo sito utilizza cookie di terze parti per garantirti un' esperienza di navigazione ottimale. Continuando la navigazione si accettano le condizioni d'uso. Scopri di più sui cookie